Temps  5 hores 46 minuts

Coordenades 6365

Data de pujada 12 / d’agost / 2018

Data de realització d’agost 2018

  • valoració

     
  • informació

     
  • Fàcil de seguir

     
  • Entorn

     
-
-
3.154 m
2.253 m
0
3,1
6,1
12,23 km

Vista 18472 vegades, descarregada 278 vegades

a prop de Passo Pordoi, Veneto (Italia)

Gita effettuata il 12 Agosto 2018.

Lascio l'auto presso uno dei numerosi parcheggi del Passo Pordoi e dopo un rapido giretto, imbocco il sentiero con il segnavia per il Piz Boé (sentiero 627) che parte alla destra del monumento a Fausto Coppi.


All'inizio, il percorso sale con pendenza bassa per prati e, una volta arrivato alle prime roccie, il sentiero prosegue con pendenza più elevata, su un fondo di sassi e sfasciumi di roccia.
Una volta arrivato presso le pareti del Gruppo del Sella,


il sentiero sale con pendenza elevata e con numerosi tornanti sino ad arrivare infine presso la Forcella Pordoi sede dell'omonimo rifugio.


Una piccola pausa e alcune foto di rito e riparto subito lungo il sentiero per il Piz Boé che parte in piano su sfasciumi di roccia


per poi salire leggermente sino al bivio successivo. Le nuvole mi coprono buona parte del panorama, ma ogni tanto vanno via e mi lasciano vedere il vallone sottostante e buona parte delle pareti rocciose del Sella.Sembra di essere su un'altro pianeta.


Da qui, il sentiero 627 prosegue verso il rifugio Boé, mentre io decido di salire subito al Piz imboccando il sentiero 638 che sale con qualche tornante e qualche roccietta sino ad arrivare presso un pianoro roccioso.
Qui,inizia la parte del sentiero più impegnativa. Si sale seguendo i bolli rossi e bianchi con qualche roccietta e con qualche tratto esposto sino ad arrivare presso un bivio.

Il cartello indica sentiero facile o sentiero difficile. Io ho seguito il sentiero difficile,


che sale su roccette con un paio di tratti attrezzati con cavi fissi e qualche pedana con lieve esposizione, ed infine arrivo presso la cima del Piz Boè sede della bella Capanna Fassa che funge da rifugio.


La cima è molto frequentata e trovo persone di parecchie nazionalità compresi brasiliani ed un gruppo di giapponesi.I tavoli del Rifugio sono tutti pieni e continua a salire parecchia gente, quindi decido di riprendere il cammino, questa volta scendendo per il sentiero 638 in direzione del rifugio Boé.


Il sentiero , dopo la Forces dai Ciamorces a 3110 mt, scende lungo moltplici tracce, su sfasciumi di roccia con pendenza abbastanza elevata sino ad arrivare un bivio con due sentieri attrezzati.


In uno, è possibile scendere e salire, mentre in quello di destra, è possibile solo scendere. io decido di utilizzare quest'ultimo, che scende per un canalino attrezzato con cavi d'acciaio e una scaletta di legno ed in breve mi ritrovo sui soliti sfasciumi di roccia con una splendida vista del pianoro sede del Rifugio Boé. A destra si vede la valle verde sottostante e alcune torri di roccia che la contornano con le purtroppo onnipresenti nubi.


Scendo presso il rifugio e qui mi fermo per il pranzo e un pò di riposo ed un mucchio di foto della zona.
Per il ritorno, imbocco il sentiero 627 in direzione della Forcella Pordoi, che sale, sempre su sfasciumi su una piana rocciosa attraversando anche una piccola lingua di neve residua.Il percorso continua con un leggero saliscendi passando sotto il Piz Boé sino a tornare presso il bivio col sentiero 638. Da qui seguo lo stesso sentiero fatto all'andata tornando presso la Forcella Pordoi.
Invece di scendere subito, decido di prendere il sentiero che sale alla stazione della funivia sul Sass Pordoi che sale con media pendenza su scalette ri roccia e poi su sfasciumi sino a raggiungere la stazione.


Dall'altro lato c'è un bellissimo balcone panoramico sul passo Pordoi, e sul gruppo del Sella. Per un tratto, c'è a ringhiera di protezione, ma una volta arrivato presso la croce, la ringhiera non c'è più e avvicinarsi al bordo per vedere il panorama, diventa molto difficoltoso...


Mi fermo qui per un pò di riposo e per prendere un pò di sole (quando c'è...), ma delle nuvole grigie si avvicinano sempre di più, pertanto decido di intrapprendere il percorso di discesa passando per lo stesso percorso fatto all'andata (con qualche piccola variante) ed infine torno presso il parcheggio del Passo Pordoi.

Difficoltà:
Per la salita al Piz Boè sono presenti, su entrambi i sentieri, alcuni tratti attrezzati con cavi e pedane fisse ed è presente qualche tratto esposto.Il resto dei sentieri che ho percorso sono su sfasciumi di pietra ed in discesa bisogna sempre stare attenti a non scivolare.

I miei tempi:
dal Passo alla Forcella Pordoi: 1 ora
Dalla Forcella Al Piz Boé: 1 ora
Dal Piz Boé al Rifugio Boé: 40 minuti
Dal Rifugio alla Forcella: 50 minuti
Dalla Forcella al Sass Pordoi: 20minuti
Per la discesa ci ho messo: 1 ora

Buon Divertimento
aparcament

Partenza

Collada

Forcella Pordoi

cim

Piz Boé

refugi

Capanna Fassa

Intersecció

Bivio

refugi

Rifugio Boé

refugi

Sass Pordoi (2950Mt)

8 comentaris

  • Foto de chicco90

    chicco90 13/08/2018

    He fet aquesta ruta  veure detalls

    Un dei più bei giri sul gruppo del Sella.Un pò impegnativo, ma fattibile.

  • Il Necchi 13/08/2018

    He fet aquesta ruta  veure detalls

    Una volta saliti sul Sella, Sembra di essere atterrati sulla Luna.
    E' qualcosa di spettacolare.

  • Foto de tabita85

    tabita85 13/08/2018

    He fet aquesta ruta  veure detalls

    Dalle foto ci sono dei passaggini mica male. Bella gita.

  • Foto de Pippo71

    Pippo71 13/08/2018

    He fet aquesta ruta  veure detalls

    Gita splendida. Grazie per averla condivisa con noi.

  • Marco Bassi 13/08/2018

    He fet aquesta ruta  veure detalls

    Il Piz Boé è uno dei 3000 più semplici.
    Lo consiglio a tutti.

  • Bellimbusto78 14/08/2018

    He fet aquesta ruta  veure detalls

    Uno dei giri più belli del Sella.

  • Foto de Terry+5

    Terry+5 15/08/2018

    He fet aquesta ruta  veure detalls

    03/08/18
    Finalmente Piz Boé!!!
    Dalla terrazza delle dolomiti, passando per il Rif. Forcella Pordoi in direzione Rif. Piz Boé (ovviamente seniero attrezzato e non semplificato). Unica pecca: troppa gente!
    Proseguito verso Rif. Boé. Da li piccola variante verso la forcella Antersass con un veduta meravigliosa!!!
    Ritorno al Boé e proseguito fino alla Forcella Pordoi.
    Da lì discesa lunga sul ghiaione.
    Ripida ma divertente per me, un po' meno per le rotule.
    Giornata meravigliosa!!!!!!!

  • Foto de fede171

    fede171 09/10/2018

    He fet aquesta ruta  veure detalls

    Davvero spettacolare!!!

Si vols, pots o aquesta ruta.