Temps en moviment  4 hores 13 minuts

Temps  4 hores 52 minuts

Coordenades 3872

Data de pujada 13 / de març / 2020

Data de realització de març 2020

-
-
84 m
51 m
0
5,7
11
22,64 km

Vista 17 vegades, descarregada 0 vegades

a prop de Baggiovara, Emilia-Romagna (Italia)

Partenza per questa bellissima camminata primaverile da Baggiovara.
Ci dirigiamo a verso Nord verso il centro del paese fino a prendere Via Jacopo da Porto Sud, che dopo un chilometro tenendo leggermente la destra diventa Stradello Riva. All'incrocio svoltiamo a sinistra su Stradello Galassi infilandoci nel sottopassaggio. Ancora poche centinaia di metri e arriviamo ad un altro incrocio dove attraversando torniamo su Via Jacopo da Porto Sud. Percorso poco più di un chilometro svoltiamo a destra su Stradello degli Orsi fino ad incrociare Strada Corletto che imbocchiamo a sinistra solo per duecento metri, prima di girare alla nostra destra su Stradello Fossa Gazzuoli.
Arriveremo cosi su Strada Pomposiana che imbocchiamo a sinistra e percorso un chilometro giriamo a destra su Stradello Giarola. In un paio di chilometri raggiungiamo sempre su bellissime stradine di campagna la periferia di Marzaglia, ma attraversando la SP15 prendiamo proprio Strada Marzaglia che in disuso è ormai un collegamento per raggiungere il fiume da bici e pedoni.

Marzaglia fa parte del comune di Modena, in provincia di Modena, nella regione Emilia-Romagna.

La frazione o località di Marzaglia dista 9,56 chilometri dal medesimo comune di Modena di cui essa fa parte.
Marzaglia sorge a 54 metri sul livello del mare.

Abbiamo attraversato la SS9 in un punto dove attraversa la ferrovia, e ci stiamo dirigendo verso Ovest. Costeggiamo su di una stradina secondaria la Via Emilia prima di raggiungere il percorso natura del fiume Secchia. Svoltiamo a sinistra e seguiamo il percorso verso Sud.
La strada ghiaiata diventa presto uno sterrato che gira alcune decine di metri dal letto del fiume, fino a quando girando attorno ad una cava di ghiaia il percorso si avvicina e comincia a seguire il fiume più da vicino.
La zona è molto naturalistica ed immersa nel verde. In alcuni tratti il percorso è stato rifatto di recente con dei nuovi terrapieni, viste le precedenti erosioni del fiume.
Si continua a scendere in direzione Sud fino a raggiungere l'oasi protetta di Colombarone.

Colombarone fa parte del comune di Formigine, in provincia di Modena, nella regione Emilia-Romagna.

La frazione o località di Colombarone dista 5,61 chilometri dal medesimo comune di Formigine di cui essa fa parte.
La frazione o località di Colombarone sorge a 73 metri sul livello del mare.

L’OASI DI COLOMBARONE

Un luogo di serenità e pace dove immergersi nella natura: è l’oasi di Colombarone, un’importante zona umida di circa 50 ettari collocata sulle rive del fiume Secchia. Classificato come Sito di Importanza Comunitaria (SIC), l’oasi ospita una ricca avifauna che annovera germani reali, folaghe, gallinelle d’acqua, aironi cenerini, nitticore, garzette, svassi maggiori, tuffetti, e specie più rare come il tarabuso. Rilevante è la presenza della testuggine palustre, specie a rischio di estinzione e unica tartaruga d’acqua dolce autoctona nel territorio italiano. Rettili e anfibi sono parte integrante del patrimonio di biodiversità.
L’oasi è punto d’accesso del Percorso Natura Secchia, un itinerario ciclo-pedonale che da Modena arriva a Castellarano (RE) per una lunghezza di 33 km.
Si comunica che nell’anno 2015 sono stati effettuati, dal parte del Servizio Tecnico di Bacino della Regione Emilia Romagna i lavori di ripristino idraulico del canale di alimentazione dei bacini d’acqua della zona umida dell’Oasi, gravemente danneggiati dall’esondazione del torrente Fossa di Spezzano nell’anno 2014.

Qui ci troviamo ad un incrocio dove davanti a noi prosegue il percorso natura, alla nostra destra abbiamo una bella vista del fiume, e dei cartelli ci indicano che siamo in questa Oasi naturalistica. Davanti, ma leggermente a sinistra c'è un impianto di depurazione, mentre guardano a quarantacinque gradi sempre a sinistra c'è la struttura di legno del centro del Parco. Noi svolteremo a sinistra su Via Marzaglia con un angolo acuto esattamente fra le due strutture.
Torniamo così sulla SP15 che costeggeremo alla nostra destra per qualche decina di metri su pista ciclopedonale. Prima di raggiungere il centro di Colombarone svoltiamo a sinistra su Via Bonecati, che presto diventerà Via Gazzuoli. Percorso circa un chilometro svolteremo a destra, sempre su Via Gazzuoli, fino a raggiungere Via Tampellini che prenderemo alla nostra sinistra.
Percorsi tre chilometri circa arriviamo al Corletto, dove svoltiamo a sinistra per pochi metri, prima di riprendere alla nostra destra Via Timpellini.
La strada diventa una bella ghiaiata di campagna immersa nelle culture della zona, fino ad arrivare sulla Strada Cavezzo, che ci permetterà di cavalcare la tangenziale Modena Sassuolo, e poi di raggiungere Baggiovara e Stradello Bastogi alla nostra destra.
Siamo a qualche decina di metri dall'arrivo, ripercorriamo giusto un breve tratto che abbiamo percorso alla partenza per uscire dal paese, e raggiungiamo cosi il punto finale di questo bel giro.
fotografia

Madonnina

fotografia

Strada

fotografia

Rudere

fotografia

Chiesetta

fotografia

Villa Agazzotti Testi

fotografia

Percorso Natura

fotografia

Segnaletica

fotografia

Percorso

fotografia

Fiume Secchia

fotografia

Oasi Colombarone

fotografia

Centro Oasi riserva Colombarone

fotografia

Via

fotografia

Indicazioni

fotografia

Rudere di torretta

Comentaris

    Si vols, pots o aquesta ruta.